Asilo nido per bambini da 6 mesi a 3 anni

Accogliamo i bambini fin dal loro primo sguardo sul mondo, appena compiuto lo svezzamento che “segna” il primo distacco dalla mamma.

Questi mesi sono importanti e delicati per la crescita dei bambini. In poco tempo dentro e fuori di loro avviene una rivoluzione e cambiamenti che non avranno eguali per il resto della vita. Tutto ciò in cui si imbattono (persone e cose) sono fondamentali per i loro passi di crescita, senza grandi sovrastrutture accolgono dentro di sé quanto di importante occorre per affrontare il mondo e la vita.

Unico vero obiettivo del nido è accompagnare i bambini con amorevolezza, pazienza, fiducia nell’avventura della scoperta di sé e delle cose intorno.

Senza un adulto (testimone, custode, esempio) che si mette in relazione con loro non può avvenire l’esperienza di aprirsi all’altro da sé e scoprire se stesso.

E’ lo sguardo buono di un adulto che comunica con certezza “Tu esisti e sei amato”. L’IO si scopre attraverso un TU. Nella certezza affettiva che scaturisce dal legame, il bambino si apre al mondo esterno e comincia strutturare il proprio IO.

L’adulto non è uno spettatore ma un soggetto attivo quanto il bambino: attende i passi di crescita, li riconosce, li conferma. Entra nel gioco con piacere. Dà voce al pensiero del bambino. Predispone per lui una strada da seguire.

Al nido creiamo contesti, occasioni e predisponiamo il tempo e lo spazio per favorire l’apertura del bambino al mondo e alle cose. Con le nostre proposte desideriamo far crescere il senso di appartenenza del bambino: al Creatore, alla sua famiglia, ai suoi amici, al suo paese, alla tradizione.

I ritmi della giornata sono stabili, la varietà delle proposte e la loro ricchezza si basa su esperienze concrete che i bambini possono fare, spesso legate alla ciclicità del tempo e delle stagioni insieme a tutti i contenuti che la nostra tradizione ci ha consegnato arricchiti dalle novità che la realtà sempre regala.

“DIO CREA, L’UOMO LAVORA, IL BAMBINO GIOCA” (Freubel)

A che cosa “serve” il gioco?

A rimettere in ordine la realtà dandole valore e significato oltre che valore ai sentimenti. Per conoscere, il bambino ha bisogno di toccare, di guardare, di agire con il proprio corpo.

Caratteristica del gioco è l’assenza di finalità immediate. Il gioco vero produce piacere e senso di libertà.

Il gioco del bambino è un “trafficare” più che con le cose, con i propri pensieri, con le sensazioni, con le esperienze vissute per poi riordinarle nella propria coscienza e nella propria mente.

Il gioco si colloca in una dimensione relazionale.

Le esperienze del gioco potrebbero essere perse senza un adulto che le osserva, le condivide, le ospita nella sua mente, le ripropone al bambino in momenti successivi.

In questo modo lo sguardo dell’adulto contribuisce a rendere il bambino cosciente del valore che ha come persona. Egli svolge una funzione di supporto alla memoria del cammino di crescita che il bambino compie.

Come ci divertiamo al nido?

Manipolazione:

pongo, farina, riso, legumi, pasta, creta ecc. Per fare esperienze sensitive e percettive coinvolgendo pensiero e azione e per potenziare le abilità oculo-manuali. Per scoprire come sono fatte le cose e come si possono usare assecondando la creatività.

Attività grafico-pittoriche:

pennelli, pastelli, matite, spugne, carta, colori a dita, frutta, verdure ecc. Per favorire l’espressione delle proprie esperienze, delle emozioni e della propria creatività usando “linguaggi” comunicativi diversi.

Narrazione:

racconti, fiabe, filastrocche, burattini, travestimenti ecc Per favorire l’immaginazione, la fantasia, la creatività. Per comprendere meglio la realtà, per affrontare le paure. Per arricchire il pensiero e il linguaggio.

Gioco euristico:

sacche con materiali diversi. Per dare spazio alla curiosità, affinare le capacità logico-deduttive, iniziare a classificare e differenziare.

Gioco simbolico:

casetta, negozio, parrucchiere, falegnameria, ufficio ecc. Per rivivere e dare significato alle esperienze quotidiane immedesimandosi in diversi ruoli.

Sonoro-musicale:

materiai diversi che producono suoni e rumori, strumenti musicali, ascolto. Per accostare i bambini ai fenomeni sonori che li circondano. Accrescere il piacere di ascoltare musica e provare a riprodurla con la voce e con gli strumenti a disposizione.

Psicomotricità-movimento:

tappeti, cuscini, panche, palloni, cubi di gomma, corde ecc. Per diventare più consapevoli del corpo e dello spazio. Per esercitarsi a raggiungere l’autonomia.

Gioco libero:

all’interno e all’esterno. Per dare spazio alla libertà di agire e scegliere. Imparare a giocare con gli amici.

Il valore del metodo dell’azione educativa si fonda sulla necessità di continui momenti di verifica personale attraverso confronti collegiali, fra il gruppo delle insegnanti e la coordinatrice (collegio docenti) in cui vengono condivise le esperienze quotidiane vissute e si gettano le basi di ogni progetto didattico curriculare ed extra curriculare.

Inoltre 4/5 volte all’anno si tengono incontri con la pedagogista che supervisiona il lavoro e aiuta il gruppo a prendere consapevolezza dei passi compiuti e degli obiettivi ancora da raggiungere.

Formazione Insegnati:

Durante l’anno sono proposti percorsi di aggiornamento su temi specifici condivisi con altre scuole facenti parte di una rete associativa “il rischio educativo” con sede a Milano.

Inoltre tutti partecipano annualmente a corsi e aggiornamenti sulla sicurezza, pronto soccorso, privacy.

Asiletto - Asilo nido concorezzo
  • Struttura

    capienza fino a 60 posti, ambienti interni spaziosi e luminosi, atelier, spazi arredati per attività diverse, area esterna con giardino attrezzato a giochi.

  • Personale

    educatrici qualificate e in costante aggiornamento, coordinate da una direttrice, equipe psico-pedagogica composta da pediatra, pedagogista, personale di segreteria e specialisti di inglese, musica, psicomotricità.

  • Apertura

    dal 01 settembre al 31 luglio
 da lunedì a venerdì, dalle 7.30 alle 18.30
 (possibilità di scelta fra diverse fasce orarie)

  • Iscrizioni

    colloquio su appuntamento con la coordinatrice telefonando al numero 039 604 21 72

La giornata

  • 7:30 – 9:30
    accoglienza: abbracciamo il bambino che ci viene affidato e rassicuriamo l’adulto che saluta il suo piccolo

  • 9:30 – 10:30
    Lo spuntino apre la giornata insieme: frutta mista a pezzetti e crackers secondo il menù prestabilito.
    Il gioco del “Chi c’è?” è un momento di unione che permette di salutarsi, guardarsi in viso, riprendere consapevolmente la relazione riconoscendo i compagni e le educatrici.
    La storia cattura l’attenzione dei bambini: ascoltano il racconto scelto per quel giorno e si concentrano sulle figure.
    Le canzoncine rappresentano il momento più interattivo: i bambini sono invitati a cantare e rappresentare insieme alle educatrici, dei motivi che li accompagneranno nella loro crescita e che la quotidianità permetterà loro di fare propri.

  • 10:30 – 11:30
    gioco del giorno: i bambini vengono suddivisi in gruppetti per svolgere le attività del giorno

     

  • 11:30 – 13:00
    cure igieniche: i bambini vengono cambiati, si lavano loro le mani e li si prepara per il pranzo.
    pranzo: è un momento importante dove la mamma manca tanto, ma è bello stare a tavola con gli amici; assaggiare tutto ciò che viene proposto e conquistare autonomia.
    prima uscita: i bambini che frequentano il part-time salutano i loro amici e si ricongiungono a mamma e papà.

  • 13:00 – 15:00
    nanna: i bambini che rimangono all’asilo nido si preparano per il riposino pomeridiano in una stanza predisposta dove ognuno ha il proprio lettino e tutto ciò che gli è più caro.

  • 15:00 – 18:30
    cure igieniche: al risveglio i bambini vengono cambiati, si lavano le mani da soli e vengono preparati per la merenda.
    merenda: yogurt, budino, tè con biscotti, torta.
    giochi: proposte diverse in attesa di mamma e papà.
    ricongiungimento: la giornata è quasi finita, arrivano le mamme, i papà o i nonni.

     

Bisogno di informazioni? Chiamaci 039 6042172

News

Open Day 2020 – Occasione per conoscere le nostre scuole!

A Novembre abbiamo previsto la possibilità di venire a scoprire le nostre scuole (Asilo Nido e Scuola Dell’Infanzia Paritaria) sia nella struttura di Arcore – Giuseppe e Ines Perego e sia a Concorezzo – L’Asiletto.

Aperti dal 1 Settembre – Buon inizio anno!

Abbiamo ripreso l’attività della Scuola dell’Infanzia e dell’Asilo Nido il 1 settembre sia nella sede di Concorezzo che nella sede di Arcore.
Mai come in questo nuovo inizio di anno scolastico scopriamo vero il proverbio africano “Per educare un bambino ci vuole un villaggio”.

Diploma Remigini

Martedì 30 Giugno abbiamo dato il diploma ai nostri REMIGINI, bambini della scuola dell’infanzia di Concorezzo che a settembre cominceranno la scuola primaria.

Iscriviti alla newsletter

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi delle vigenti normative privacy (Regolamento Europeo n.679/16), secondo le finalità e le modalità indicate nell'informativa privacy.Privacy policy