Scuola dell’infanzia per bambini da 3 a 6 anni

Informazioni & spazi

  • Struttura

    ambienti interni spaziosi e luminosi area esterna con giardino attrezzato a giochi

  • Personale

    educatrici qualificate e in costante aggiornamento, coordinate dalla direttrice della Cooperativa

  • Apertura

    Il servizio si articola su 11 mesi (da settembre a luglio) e su 5 giorni alla settimana (da lunedì a venerdì) con il seguente orario: entrata – accoglienza ore 8.00 – 9.30 uscita 16.00 – 18.00

  • Iscrizioni

    presso la segreteria del l’Asiletto, piazza Falcone e Borsellino, 18 – Concorezzo – tel. 039 604 21 72

Le Attività

L’ esperienza implica un rapporto diretto con la realtà vissuta e sperimentata: non è però un semplice”fare” ma una condizione per dare significato a tutte le cose e avere una maggiore coscienza di sè. Le proposte che la scuola materna fa devono tenere conto della modalità di conoscere del bambino di questa età che passa attraverso la corporeità, la sensorialità, il gioco simbolico e la comunicabilità dell’esperienza.

La programmazione è la traduzione del progetto educativo in proposta didattica. Si predispone un cammino attraverso percorsi di esperienza (U.d.A  Unità di apprendimento).

Le U.d.A. riflettono il tema generale dell’anno con il contenuto scelto dalle insegnanti e dalla direttrice. Sono occasioni in cui i bambini si misurano con le proprie capacità, imparano a conoscere se stessi attraverso i diversi campi di esperienza (sensoriale, motoria, simbolica, cognitiva, comunicativa).

Per ampliare la proposte didattica sono previste le seguenti attività durante tutto l’anno, svolte dalle insegnanti e da specialisti qualificati.

  • Lingua inglese: Il metodo è proporre la lingua inglese come esperienza inserita nella loro quotidianità, per favorire l’assimilazione di suoni diversi, attraverso proposte semplici e giocose. Saranno previsti nel corso dell’anno anche dei laboratori
  • Educazione motoria: è prevista un’ora settimanale di attività motoria guidata, svolta dalle maestre e da una specialista per poter approfondire la coscienza del “sè corporeo”.
  • Esperienza musicale: con l’aiuto di uno specialista viene favorità la familiarità con il linguaggio musicale, attraverso l’esplorazione dei suoni, del ritmo e del canto.
  • Gite: sono previste uscite didattiche che permettono ai bambini di avere un contatto con nuovi ambienti per approfondire il lavoro svolto in classe.

La giornata

I ritmi stabili della giornata trasmettono certezze ai bambini.

  • 8:00 – 9:00
    accoglienza: abbracciamo il bambino che ci viene affidato e rassicuriamo l’adulto che saluta il suo piccolo

  • 9:00 – 9:30
    tappeto: E’ lo spazio e il momento di ritrovo di tutti i bambini con l’adulto. Ci si saluta,si vede chi c’è e chi non c’è, il tempo di oggi, si scelgono gli aiutanti del giorno, ci si racconta e l’adulto fa la sua proposta.

  • 10:00 – 11:30
    gioco/attività Proposte didattiche e gioco.
  • 11:30 – 12:00
    cure igieniche si va in bagno e ci si prepara per il pranzo

  • 12:00 – 12:45
    pranzo

  • 13:30 – 15:15
    riposo: gioco o riposo pomeridiano

  • 15:15
    merenda yogurt, budino, tè con biscotti, torta
  • 15:30
    cure igieniche

  • 16:30 – 18:00
    ricongiungimento gioco libero e/o strutturato e uscita dei bambini

Il pranzo

Il pranzo è un momento importante dove la mamma manca tanto, ma è bello stare a tavola con gli amici, assaggiare tutto ciò che viene proposto e conquistare autonomia.

Documenti

Bisogno di informazioni? Chiamaci 039 6042172

News

Diploma Remigini

Martedì 30 Giugno abbiamo dato il diploma ai nostri REMIGINI, bambini della scuola dell’infanzia di Concorezzo che a settembre cominceranno la scuola primaria.

CENTRO ESTIVO per bambini dai 3 ai 6 anni

Per cinque settimane, da 15 giugno fino a venerdì 17 luglio siamo aperti sia ad Arcore che a Concorezzo con il CENTRO ESTIVO per bambini dai 3 ai 6 anni; dalle 9 alle 16 da lunedì a venerdì. I bambini sono divisi in gruppi da 5 con una o due maestre che accompagnano la loro…

I bambini e l’isolamento

Un articolo di Alberto Pellai che cerca di spiegare un comportamento che accomuna molti bambini in questi giorni di isolamento.

Iscriviti alla newsletter

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi delle vigenti normative privacy (Regolamento Europeo n.679/16), secondo le finalità e le modalità indicate nell'informativa privacy.Privacy policy